Biografia di Charlize Theron

Charlize Theron

Raccomandata da Madre Natura

Charlize Theron
Cinema, teatro, televisione, musica. Quante sono, oggi, le strade per diventare famosi? Sicuramente molte e tutte quelle elencate rientrano a buon diritto nel novero delle ambizioni possibili. Ma nell'odierna civiltà dell'immagine è anche possibile restare stampati nella mente di milioni di persone anche con un bel fondoschiena, soprattutto se quest'ultimo si scopre poco a poco grazie ad una gonna che, impigliata in una sedia, lentamente si sfilaccia. E' quello che è successo a Charlize Theron nella pubblicità del Martini di qualche anno fa, quando la modella si è attirata le invide di gran parte del mondo femminile con quelle curve da urlo.

Poi fortunatamente ha anche dimostrato di essere brava. Molto brava. Difficile oggi come oggi trovare una donna di eguale bellezza e di identica bravura, per non dire di vero talento.
Nata il 7 agsoto 1975 a Benoni, in Sudafrica, questo splendido esemplare di donna ha trascorso la sua infanzia nella fattoria dei genitori, ricchi proprietari terrieri con tanto di impresa di costruzioni stradali.
A sei anni Charlize comincia a prendere lezioni di danza. A tredici viene iscritta ad un collegio di Johannesburg dove ha modo di affinare ulteriormente le sue doti di ballerina.
Rimasta orfana di padre nel 1991, dopo aver vinto un concorso locale per aspiranti modelle, si vede offrire la possibilità di cominciare a sfilare.

Parte così per Milano e lavora come modella per un anno, ma ben presto si accorge che passare la vita a fare la bella statuina ancheggiante sulle passerelle non è cosa che fa per lei.
Ha un cervello che funziona e vuole dimostrarlo. Succede che la Natura talvolta non sia affatto matrigna ma che anzi elargisca i suoi doni con fin troppa benevolenza. E nessuno stavolta può dire che l'unico dito benevolo della terribile Signora che governa i nostri destini non si sia stato puntato proprio sull'attrice sudafricana.

Così dopo un tentativo di ritorno alla danza (stroncato da una lussazione al ginocchio) e qualche ruolo minore girato qua e là in quel di Hollywood, viene notata dal solito agente cinematografico, uno di quei tipi che sembra vadano in giro con il cannocchiale pronto per scovare belle e talentuose fanciulle. Pare addirittura che il fortunato agente se la sia ritrovata in banca mentre Charlize litigava con un impiegato. Rimasto colpito da cotanto splendore, la convoca nei suoi studi e, dopo averla scartata per il ruolo principale in "Showgirls" (una fortuna, considerato il fiasco del film), otto mesi dopo l'eburneo volto di Charlize è lì che ci guarda dal grande schermo nel suo debutto, il dimenticato "Due giorni senza respiro".
Poi arriva "Music Graffiti", per la regia di Tom Hanks, un'altra pellicola non proprio memorabile.

Nel frattempo studia per approfondire la tecnica di recitazione. Solo un anno più tardi la sua carriera di attrice riceve una spinta definitiva con la partecipazione a "L'avvocato del diavolo", accanto ad Al Pacino e Keanu Reeves. Nel 1998 appare poi in "Celebrity" di Woody Allen e nel fiabesco "Il grande Joe".

Nel 1999 Charlize Theron è stata la protagonista del fantascientifico "The Astronaut's Wife", in cui è la moglie di Johnny Depp, e ha preso parte a "Le regole della casa del sidro", (pluri-nominato all'Oscar 2002). Ma l'abbiamo anche vista in "Amici di...letti", "24 ore", "La maledizione dello Scorpione di Giada" e "15 minuti - Follia omicida a New York".

Da donna intraprendente e sempre in evoluzione quale è, Charlize non si accontenta solo di recitare ma di recente ha anche mosso passi nell'ambito manageriale, sviluppando e producendo film come "Tutta colpa dell'amore" e "Monster". Per quest'ultima pellicola ha vinto l'ambita statuetta come 'Miglior attrice protagonista' nell'edizione degli Oscar 2004.



















Pic
Pic
Pic
Pic
Pic
Pic

FASHION NETWORK

  • Fotomodella
  • Beauty & Health